Posts Tagged ‘vintage 2002’

Reims, Vintage 2002 Veuve Clicquot-Ponsardin

9 ottobre 2011

“Véeev Clicooò!?”. Ok, siamo alle solite: cosa ti aspetti da una bottiglia di champagne? Certamente una esperienza. E quanto il fascino del marchio – la sua storia ultrabicentenaria, il blasone -, il peso dell’etichetta, il “nome” insomma, influenzano il tuo giudizio finale sulla bevuta?

Vigneto Veuve Clicquot a Montagne de Reims

Personalmente non più di quanto gli sia dovuto. Per intenderci, conta quello che mi arriva nel bicchiere; capisco naturalmente tutte le difficoltà di chi comunque fa fatica a liberarsi di vecchi stereotipi, come del resto comprendo che è impossibile non prendere in considerazione – laddove ve ne sia – un percorso storico e culturale affascinante, o anche semplicemente suggestivo, che contribuisce talvolta a “valorizzare” ancor più un vino; ma la “la prova del nove” rimane il calice, da lì non si sfugge!

Quella del vintage di casa Clicquot-Ponsardin è una storia solida; l’intuizione della veuve Barbe-Nicole scatta nel 1810 ma è il millesimo successivo, il 1811 – conosciuto come l’anno della cometa che contribuì alla celebrità della maison de Reims alla corte di Alessandro I Zar di tutte le Russie – a consegnare agli annali l’idea, finissima, di mettere in bottiglia una cuvée prodotta utilizzando esclusivamente vini di un singolo raccolto. E come da tradizione, anche in questo Champagne brut Vintage 2002 a predominare è il pinot noir, in gran parte proveniente dal Grand cru di Verzenay a Montagne de Reims, mentre il pinot meunier e lo chardonnay vengono rispettivamente selezionati tra le migliori parcelle della Vallée de la Marne il primo (a Ludes, Premier cru) e della prestigiosa Cote de Blancs (a Mesnil sur Oger, Grand cru) il secondo.

Il colore è di uno splendido paglierino brillante, le bollicine fini e interminabili. Il naso è slanciato, immediatamente voluminoso, espressivo e ampio, fresco e sostenuto da ottima persistenza. Il primo naso è agrumato, poi sentori più austeri di frutta secca e fieno, erbe e poi ancora spezie dolci. L’approccio è asciutto, il sapore denso, il palato è pervaso da una costante piacevolezza che solletica le papille e accompagna la beva ben definita, intensa, persistente. Uno Champagne a tutto tondo, e non il solito champagne, da bersi a tutto pasto e servito tranquillamente in un calice degno di un grande vino bianco che ha da raccontare più o meno un decennio di attesa prima di finire nel vostro bicchiere. Insomma, passione pura!


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.425 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: