Riassaggi, Cupersito 2008 Casebianche

by

Ci sono certe bottiglie, degli assaggi, che vorresti poter fermare nel tempo, fissarli lì come un immagine di una “istantanea”, nella speranza che possano rimanere così come sono in quel preciso momento in cui hai avuto la fortuna di coglierli, pensando – ne sei certo -, che sia quello là il meglio che hanno da offrire!

Il tempo invece passa inesorabilmente: come si matura noi, pure il vino. Poi s’invecchia, e non è detto, nell’uno e nell’altro caso, che lo si faccia bene. E’ il grande inganno della vita potremmo pensare, o il bello delle cose, per andare meno sul filosofico e farla quindi più spicciola. Salvo imprevisti, sorprese permettendo. La fortuna di godere del suo meglio.

E che bella conferma che è questo vino, che splendido assaggio! Lo avevo lasciato giusto in rampa di lancio questo Cupersito 2008, oggi quasi due anni fa (leggi qui); era ancora in elevazione in legno, appariva voluttuoso e teso ma con tanti buoni auspici e, soprattutto, tante certezze: due anzitutto, Pasquale e Betty Mitrano, persone deliziose e oggi ancor più determinate nel loro bellissimo progetto di agricoltura sostenibile in quel di Torchiara; poi Fortunato Sebastiano, enologo già da allora segnalatovi come uno tra i migliori della nuova generazione rampante in Campania; poi sì, c’è l’uva, lo splendido aglianico del Cilento, quindi il terroir, generoso e vorace al tempo stesso; insomma, Casebianche.

Il tempo lo ha reso giusto: sempre in grande spolvero il bellissimo colore rubino, impenetrabile quasi, con ancora evidenti sfumature porpora. Il naso è ampio e avvolgente, ha conquistato linearità, chiarezza olfattiva e una certa profondità, a cominciare da un corollario di sfumature fruttate e balsamiche dolcissime e avvenenti che ti accompagnano per tutta la bevuta, con riconoscimenti di prugna, mora selvatica e liquirizia su tutti. In bocca è esemplare: polposo, asciutto, delicatamente tannico – nobile, si dice -, caratterizzato da quella astringenza sottile e insidiosa che arriva puntuale subito dopo aver mandato giù il secondo sorso. Calma, è da manuale, è lì a ricordarti che oggi, più di allora, non ti sei sbagliato: la farfalla ha lasciato il suo bozzolo, ha spiccato il volo, e non ha nessuna intenzione di morire domani.   

Annunci

Tag: , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: