Posts Tagged ‘pasquale mitrano’

Riassaggi, Cupersito 2008 Casebianche

12 dicembre 2011

Ci sono certe bottiglie, degli assaggi, che vorresti poter fermare nel tempo, fissarli lì come un immagine di una “istantanea”, nella speranza che possano rimanere così come sono in quel preciso momento in cui hai avuto la fortuna di coglierli, pensando – ne sei certo -, che sia quello là il meglio che hanno da offrire!

Il tempo invece passa inesorabilmente: come si matura noi, pure il vino. Poi s’invecchia, e non è detto, nell’uno e nell’altro caso, che lo si faccia bene. E’ il grande inganno della vita potremmo pensare, o il bello delle cose, per andare meno sul filosofico e farla quindi più spicciola. Salvo imprevisti, sorprese permettendo. La fortuna di godere del suo meglio.

E che bella conferma che è questo vino, che splendido assaggio! Lo avevo lasciato giusto in rampa di lancio questo Cupersito 2008, oggi quasi due anni fa (leggi qui); era ancora in elevazione in legno, appariva voluttuoso e teso ma con tanti buoni auspici e, soprattutto, tante certezze: due anzitutto, Pasquale e Betty Mitrano, persone deliziose e oggi ancor più determinate nel loro bellissimo progetto di agricoltura sostenibile in quel di Torchiara; poi Fortunato Sebastiano, enologo già da allora segnalatovi come uno tra i migliori della nuova generazione rampante in Campania; poi sì, c’è l’uva, lo splendido aglianico del Cilento, quindi il terroir, generoso e vorace al tempo stesso; insomma, Casebianche.

Il tempo lo ha reso giusto: sempre in grande spolvero il bellissimo colore rubino, impenetrabile quasi, con ancora evidenti sfumature porpora. Il naso è ampio e avvolgente, ha conquistato linearità, chiarezza olfattiva e una certa profondità, a cominciare da un corollario di sfumature fruttate e balsamiche dolcissime e avvenenti che ti accompagnano per tutta la bevuta, con riconoscimenti di prugna, mora selvatica e liquirizia su tutti. In bocca è esemplare: polposo, asciutto, delicatamente tannico – nobile, si dice -, caratterizzato da quella astringenza sottile e insidiosa che arriva puntuale subito dopo aver mandato giù il secondo sorso. Calma, è da manuale, è lì a ricordarti che oggi, più di allora, non ti sei sbagliato: la farfalla ha lasciato il suo bozzolo, ha spiccato il volo, e non ha nessuna intenzione di morire domani.   

Torchiara, Cupersito 2008 Casebianche

1 dicembre 2009

Chi non ama il Cilento? Sfido chiunque ad alzare la mano. Era l’estate del 2006, una vacanza memorabile, spesa tra il mare splendente di Acciaroli e le sagre straordinarie di Montecorice, la frescura di Torchiara ed il mare calmo e salatissimo della spiaggia di Ficocelle a Palinuro.

La bellissima Torre di Velia, nell’omonimo parco archeologico cilentano

E tra una scarpinata nelle rovine del bellissimo parco archeologico di Velia e un’abbuffata mattutina di fresco yogurt da Vannulo, ogni tanto ci scappava pure la bevuta, indigena per così dire, di bottiglie già conosciute ed etichette praticamente “anonime”; iniziava proprio in quell’epoca, in Cilento, il fermento di tanti piccoli agricoltori/conferitori in procinto di diventare anch’essi produttori: la nomenclatura in voga era ancora ferma ai nomi storici di Maffini, De Conciliis e Alfonso Rotolo, ma di lì a poco avremmo aggiunto al taccuino, tra gli altri, nomi nuovi, qualcuno pure suggestivo, come Botti, I Vini del Cavaliere, Luna Rossa e, per l’appunto, Casebianche¤ di Torchiara. Un piacere del momento, alle primissime vendemmie, magari un arrivederci poi a domani.

Oggi è già domani, l’abbiamo imparato da sempre e Dustin Hoffman nel 2008 ci ha fatto pure un bel film, e a Battipaglia lo scorso 12 novembre ad Aglianico&Aglianico sembrava proprio di essere dentro un film, sino ad allora mai visto prima in Campania: oltre 70 produttori di aglianico e tanti altri numeri da sballo per gli appassionati di statistica e per i coglioni burocrati nemici del vino.

Casebianche di numeri, sulla carta, ne ha davvero pochi, talento nelle bottiglie, tanto: sono appena 9000 ma di estrema godibilità, un bianco davvero molto interessante, il Cumalè ed un’altro giusto per non restare fermi al palo col solo fiano, l’Iscadoro con il quale si gioca in vigna e soprattutto in cantina con le vecchie vigne di malvasia e trebbiano e maturazioni sur lies ed affinamento in legni di castagno; poi due rossi, il complesso (quantomeno nello blend) Dellemore, di cui scriverò in seguito, e il Cupersito, il rosso che mi ha immediatamente sorpreso e piacevolmente conquistato, bevuto in anteprima (quasi) assoluta nell’annata 2008 ancora in affinamento nelle botti. Da uve aglianico al 100%, è ricco, concentrato, succoso e pregnante come tante valide interpretazioni di questo vitigno che Fortunato Sebastiano¤ sta egregiamente orchestrando degli ultimi anni.

Il vino nasce da un’attenta cernita dei migliori grappoli e da vigne allevate con agricoltura biologica; una resa in uva bassissima ed una accurata pratica di cantina che prevede tra l’altro fermentazioni spontanee su lieviti endogeni e travasi solo manuali, nonché un bassissimo utilizzo di solforosa. Ne viene fuori un vino dal colore rubino gioviale, violaceo, impenetrabile (quasi inchiostro), consistente. Il timbro olfattivo è ficcante, naso pulito e complesso su note di frutta polposa e croccante: marasca, lampone e mora. Ha bisogno di ossigeno, lavorare col bicchiere, di sfuggire alla carica glicerica che ne rincorre la freschezza, accesa ed importante, che rende morbidezza ad un tannino di nerbo ma non invadente, che in bocca mostra le spalle, il carattere che ne forgia l’imprinting; davvero un gran vino, importante.

L’origine mi sorprende: un vino così materico, in Cilento lo facevo appannaggio solo del Naima di Bruno De Conciliis; la mano dell’enologo però no, quella ho imparato a riconoscerla nel Grifo di Rocca di Mustilli piuttosto che nel Rasott di Boccella¤ e non mi mordo la lingua nell’intravedere nella trama fitta di questo Cupersito il compagno di banco del Falerno Rampaniuci di Migliozzi¤; come dire “qual valore e merito” al provetto Sebastiano. L’ho bevuto con tanto piacere su di un Hamburger di marchigiana con provola e friarielli, e non esito a dire di aver peccato lungamente, fregandomi ampiamente dell’abbinamento; avevo solo voglia di bere un gran bel vino!


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: