Capsule in polilaminato, maneggiare con cura!

by

Iersera, ancora una volta, mi sono quasi troncato due dita. Ok, è conclamato che lo sprovveduto sono io, probabilmente anche un poco incapace; aiutatemi allora a capire se e come si può guarire dalla dabbenaggine acuta che mi assale, pare, ogni qualvolta mi capita tra le mani una bottiglia di vino con una maledetta capsula in polilaminato.

Sempre di più le bottiglie di vino che ne hanno una e generalmente anche chi produce distillati, liquore, olio, aceto, birra comincia a preferirle. E’ notorio che esistono essenzialmente due tipologie di capsule: quelle in pvc – sono queste capsule termoretraibili, utilizzate molto frequentemente – e in polilaminato – talvolta anche capsuloni, come quelli applicati alle bottiglie di vino frizzante o spumante – che sembrano prendere sempre più mercato negli ultimi tempi poiché offrono, oltre a quell’effetto stagno che piace tanto a molti produttori, anche e soprattutto una certa facilità di personalizzazione; su queste infatti, più che su quelle in pvc, si possono ricreare diciture e loghi aziendali con stampe a caldo e con colori in tonalità varie: lucide e mattate, addirittura perlate; e più sono sottili più sono belle a vedersi, sinuose quasi.

Rimane però quella sola, implacabile, fottutissima controindicazione: sono taglienti un accidenti! Quindi, cari sommelier, che ne dite, ce lo facciamo un pensierino (al guanto d’acciaio)?

Annunci

Tag: , , , , , , , ,

7 Risposte to “Capsule in polilaminato, maneggiare con cura!”

  1. Patrizia Says:

    nn credo sia solo un problema estetico, di personalizzazione,ecc.
    A me consta che le capsule in polilaminato, (che sono molto più costose di quelle in pvc pertanto di qs tempi nn sarebbero da preferire!), abbiano delle caratteristiche particolari che le rendono insostituibili soprattutto x vini da medio lungo invecchiamento.Mi confermi?? Si, sono un po’ pericolose anch’io ne so qualcosa!

  2. L'Arcante Says:

    Allora mi tocca attrezzarmi (col guanto in acciaio). 😉

  3. ARTURO TERMINIELLO dice su FACEBOOK Says:

    ciao Angelo, io credo che il polilaminato, grazie alla sua aderenza, sia il giusto modo al momento per ottenere la perfetta sigillatura della bottiglia, atta a prevenire eventuali ossidazioni sui vini da invecchiare. Riguardo al guanto, non credo ce ne sia il bisogno, visto che, come mi insegni, ci sono strumenti atti a tagliarla per poi toglierla con un semplice gesto, evitando di tagliuzzarci le dita(mi sono tagliato le dita più di una volta, e questo deve far intendere che non uso il tagliacapsule)…;-)

  4. Marco I. Says:

    Anche io ci sono capitato… è vero certe bottiglie sono proprio micidiali. Una delle ultime è stato con una bottiglia di Chianti… ma anche certe di Franciacorta non scherzano mica…
    Simpatico il guanto d’acciaio. 🙂

  5. Ginola Fay Says:

    Il problema è molto più serio di quanto sembri. In Germania c’è un importante gruppo di distribuzione che chiede alle aziende che utilizzano questo tipo di capsule una sorta di “assicurazione” prima di accettare la distribuzione dei vini. Lo fa per salvaguardare i propri dipendenti (hanno molti Restaurant poli funzionali in giro) da eventuali spese mediche e/o infortunio del genere.

  6. Professione Somemlier, ci sono capsule e capsule « L’ A r c a n t e Says:

    […] il rischio di rimanerci fregato. Un paio di settimane fa, dopo aver scritto questo post (leggi qui) ho avuto il piacere di fare quattro chiacchiere con alcuni “tecnici del settore” ma […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: