Bacoli, Falanghina Domus Giulii 2009 La Sibilla

by

Un bianco? Certo. Territoriale? Nì, ma anche no (secco) o non necessariamente. Ciononostante, malgrado la mia riluttanza, si continua a tirare fuori dalle vigne flegree cose “diversamente” nuove ed interessanti…

Del Domus Giulii, al suo esordio, ne parlai già qui qualche tempo fa. Lo fa una delle più promettenti realtà della denominazione, con il cento per cento di falanghina dei Campi Flegrei, vitigno diffusissimo in Campania ma che sembra avere proprio nei comuni a ridosso della provincia di Napoli il suo terroir migliore – suoli vulcanici, basse rese, sole a mezzogiorno, il mare dentro –, che ne esalta al contempo la spiccata vivacità e l’antica sgraziata tipicità.

Viene da vigne più o meno vecchie coltivate tra i comuni di Bacoli e Pozzuoli dalla famiglia Di Meo. Vincenzo, enologo giovanissimo, ha voluto “sperimentare” un bianco lungamente macerato ed affinato sulle fecce fini. Luigi, il papà vignaiolo che sta invece in campagna, l’ha lasciato fare, così, tanto per capire. Ci regalano un bianco unico – poco più di 600 le bottiglie del 2009, che è solo il secondo passaggio ufficiale -, tanto raro e prezioso quanto imprevedibile.

Ha un bel colore oro, maturo, ricorda agli appassionati certi vini elevati in anfora, però è limpido, infatti la luce l’attraversa luminosa, calda. Il primo naso è subito buccioso, poi si fa speziato, un poco dolce, sa di scorzette d’arancia e pompelmo appena candite e un po’ salmastro, eppure pulito e franco. Il sorso è quasi materico, sulle prime spiazzante ma di buon carattere e discreta acidità e persistenza. Intriga il palato e lascia la bocca quasi ammantata, d’uva e di sale. Inutile negarglielo un passo avanti rispetto al debutto col duemilaotto, ancora uno solo però. Perché? Perché buono è buono ma il modello da seguire rimane per me il Cruna DeLago.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , ,

9 Risposte to “Bacoli, Falanghina Domus Giulii 2009 La Sibilla”

  1. Giulio Cantatore Says:

    Assaggiai ad aprile durante un pranzo il Cruna delago 09 a Pozzuoli dal bravo Nando Salemme di Abraxas, non lo avevo mai provato mi era piaciuto e non poco, grazie a te angelo noto che le mie impressioni di allora non erano errate. A questo punto devo contattare l’azienda perchè vorrei prenderne un pò di bottiglie certamente da tenere in carta, ma perchè no per riassaggiarlo ancora magari accompagnandolo con un’ottima burrata.

    • Angelo Di Costanzo Says:

      Giulio, i Di Meo hanno sin da subito colto quale strada da seguire. Mi vanto di conoscerli praticamente da quando ho cominciato a “bere meglio”. E mai me ne perdo un annata.
      Questo qui è un vino, come dico, “diversamente buono”. Ma tutti i vini lì a La Sibilla hanno una precisa anima ed identità.
      Parla con Tina o Luigi. Fai incetta di Cruna DeLago, ma questo però provalo!

  2. Giandomenico Rea Says:

    Ho trovato questo vino in camera come omaggio al mio arrivo al Capri Palace dove ho conosciuto una persona straordinaria, prima che un sommelier molto in gamba. Grazie Angelo per avermi fatto scoprire realtà così interessanti come quella della famiglia Di Meo e questo blog che adesso è una delle mie letture quotidiane.

  3. Fabrizio Antolini Says:

    Sarei interessato all’acquisto di questo vino direttamente dal produttore.

  4. Qualche assaggio interessante di cui sparlare… | L’ A r c a n t e Says:

    […] e, a tema, stuzzicante anche se un tantino interlocutorio il piedirosso 2012 di Vincenzino Di Meo¤. Un po’ avanti al naso, un po’ in ritardo in bocca. E’ pur vero che è in bottiglia da […]

  5. Snapshot of a territory 2013|I Campi Flegrei | L’ A r c a n t e Says:

    […] spiego meglio: vini come il Domus Giulii 2009¤ di Vincenzino o il Vigna del Pino¤ 2003 di Raffaele, come pure il Coste di Cuma 2007 aperti […]

  6. A proposito del Piedirosso dei Campi Flegrei Vigne Storiche 2011 La Sibilla | L’ A r c a n t e Says:

    […] quasi a sottolineare la vocazione principalmente bianchista dell’azienda La Sibilla¤, ma anche i primi frutti del lungo viaggiare del giovanissimo Vincenzo in giro per vigne e cantine […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: