Mirabella Eclano, Vigna Cerzito 2001 e il fascino della primissima vendemmia a Quintodecimo

by

Mi passa davanti un fotogramma, immagino la vendemmia a Quintodecimo¤ nel 2001: Laura e Luigi, vestiti di tutto punto intenti a pestare coi piedi l’aglianico atto a divenire nettare con il quale brindare all’inizio della nuova avventura di Mirabella Eclano.

Luigi Moio - foto courtesy Laura Di Marzio

Ebbene si, sono passati già quasi dieci anni, e pensare che in molti si ostinano a rincorrere modelli preconfezionati pur di non faticare, spesso non hanno nemmeno un metro quadrato di vigna, a volte nemmeno un indirizzo, nella migliore delle ipotesi una buona cantina nelle vicinanze di casa dove comprano o si fanno fare il vino, imbottigliato e già etichettato, rivendicando poi – che faccia tosta! – di essere proprio loro “autentici”, i loro vini quelli “veri” o come capita sempre più spesso negli ultimi tempi – ahinoi la peggiore delle ipotesi – dei rivoluzionari.

Laura Di Marzio - foto courtesy of Laura Di Marzio

Per Quintodecimo è andata diversamente e chi oggi arriva lì in cantina¤ lo respira appena messi i piedi per terra, non appena varcata la soglia del giardino, appena Moio, con la sua disarmante dialettica, sale in cattedra: è questo il secondo fotogramma a cui mi rifaccio, Luigi¤ ama raccontarsi e raccontare mentre è affacciato sulla terrazza che dà direttamente sulla vigna; spende parole chiare, racconta di esperienze professionali fondamentali, di ricerche, microvinificazioni, zonazione (?), di emozioni reali che riesce a trasmettere con forza e precisione, ha tra le mani, le stesse che mentre parla muove nell’aria quasi ad accarezzarla, la storia dell’enologia campana e la porge con la stessa generosità con la quale l’ha immaginata, studiata, vissuta profondamente, lui sì rivoluzionata, prima di consegnarla oggi ai suoi numerosi posteri allievi.

Il Vigna Cerzito 2001 è stato il primo vino prodotto qui a Mirabella Eclano nonchè l’ultimo dall’omonima vigna¤, di oltre trent’anni, che proprio successivamente alla raccolta è stata completamente espiantata per far posto al nuovo sesto d’impianto secondo i precetti del professore. All’epoca l’idea di metterlo in bottiglia, dopo due anni di legni nuovi, nasceva dalla necessità di lasciare una traccia dell’inizio di tutto, non certamente dall’esigenza di fare vino, fattostà che queste bottiglie non hanno mai visto la porta della cantina, al massimo la tavola della cucina di Laura, che è solita offrire solo agli amici più cari. Un vino quindi mai commercializzato, nemmeno denominato, di cui però è bene, credo, lasciare traccia per piacere di cronaca, e perché se molti si rifanno a questo modello di aglianico, austero, asciutto, tannico, vigoroso, sia utile scrivere che proprio Moio sembra averlo superato, a Quintodecimo, da più o meno una decina di anni.

Quintodecimo, foto A. Di Costanzo

Il colore è maturo, l’unghia ha già ben espressa una chiara nuances aranciata, rimane però cristallino e di buona vivacità. Il naso è decisamente volto a note terziarie, cioè caratterizzato da sensazioni odorose – foglie secche, mallo di noce, terra bagnata, caffè tostato – dovute innanzitutto al lungo invecchiamento passato tra legno e bottiglia; all’assaggio è asciutto, austero, il tannino ancora recalcitrante ma avviato lentamente alla dissoluzione (chissà il nerbo della prima ora?), la beva è generosa ma fluida, marcata da una acidità sottile ma ancora percettibile, appena lievemente amarognolo sul finale di bocca.

Tant’é, pur non esprimendo la verticalità a cui si può fare tranquillamente affidamento nelle più recenti interpretazioni di Luigi, il Riserva Quintodecimo¤ 2004 ne è sintesi disarmante, la complessità, qui compressa da uno start up certamente non facile per una primissima vendemmia, offre una palese dimostrazione di come, pur partendo da una materia prima non di primissimo pelo, Moio sia capace, attraverso una sana ed ineccepibile interpretazione tecnica, la così tanta vituperata ma indispensabile mano dell’uomo, dare voce e lunga vita all’aglianico: eh già, quasi come in un film, professore di nome e di fatto! 

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

12 Risposte to “Mirabella Eclano, Vigna Cerzito 2001 e il fascino della primissima vendemmia a Quintodecimo”

  1. Silvano Says:

    Buongiorno, ho letto con attenzione il post e mi sono ricordato di aver bevuto un bianco (mi pare falanghina) del professore moio di quintodecimo a casa di un amico. Il vino mi è piaciuto molto, devo dire ha conquistato tutti quella sera però il mio amico mi diceva che costano un botto. Ho fatto una ricerca su internet e ho trovato prezzi variabili dai 30 ai 200 euro per il loro Taurasi.

    Non lo so, sono prezzi ragionevoli in un momento in cui la crisi spadroneggia? ciao a tutti, silvano

  2. Barrique Says:

    A Roma il Fiano va via che è una bellezza, la qualità ha un costo, non tutti se lo possono permettere? pazienza, mi incazzerei di più se il vino fosse scadente, ma la qualità c’è e come.

    Io una boccia la piazzo pure a 60 euri, mica male!

  3. Ferro da stiro Says:

    Sinceramente cari…

  4. Angelo Di Costanzo Says:

    E’ innegabile che il posizionamento piuttosto alto (fortemente voluto) sul mercato abbia in qualche modo creato non poche diatribe sul fattore prezzo in merito ai vini di Quintodecimo.

    In prima istanza c’è da definire subito un punto che poi in realtà è decisivo per qualsiasi ulteriore discussione in merito: più che di caro io inizierei a parlare di “costoso”, una differenza piuttosto sostanziale.

    E’ caro ciò che è sopravvalutato, è costoso ciò che esprime un valore indiscutibilmente superiore.

    Poi ci sono tutta una serie di altri fattori che concorrono, secondo me, a fare di Quintodecimo un’azienda comunque da tenere sempre in considerazione; Visitarla è davvero suggestivo, è stata sognata, pensata e creata proprio come te l’aspetti ed i i vini hanno decisamente una marcia in più, checchè se ne dica, ma rispecchiano appieno la filosofia aziendale e sono fedelissima interpretazione dell’ideale enologico di Moio e proprio come Moio in continua evoluzione stilistica.

    Ho bevuto e letto di vini, quelli sì carissimi, nati per intuizione, buisness, provocazione, non mi lascerei andare a futili considerazioni in presenza di vini nati dopo trent’anni di studio e ricerca…

    😉

  5. ettore galasso Says:

    Ho avuto la fortuna ed il privilegio di bere il vino pestato con i piedi da Laura e Luigi, e seguo con vivo interesse l’evoluzione di Quintodecimo nel tempo, un progetto nato nella mente di Luigi sui banchi di scuola dell’Istituto Enologico di Avellino. C’è tanta passione e studio nella realizzazione dei vini. Sono daccordo con Angelo quando specifica la differenza tra caro e costoso, i vini di Laura e Luigi sono di valore superiore.

  6. Salvatore LANDOLFO Says:

    Angelo sono uno dei pochi fortunati ad aver avuto in dono una bottiglia di Vigna Cerzito la custodisco gelosamente ed e proprio per questo che vorrei aprirla con te Gerardo e Alessandro Schiavone…. Fammi sapere quando……?

  7. Spaghetti con fave, lupini e vongole con Sannio Falanghina Via del Campo 2009 Quintodecimo « L’ A r c a n t e Says:

    […] è azzardato definire il matrimonio con questa stupenda Falanghina Via del Campo 2008 di Luigi Moio perfettamente calzante. I tratti essenziali del piatto vanno esaltandosi ad ogni boccone con […]

  8. Quintodecimo, a casa di Laura e Luigi | L’ A r c a n t e Says:

    […] novità: una è l’arrivo ormai imminente del secondo cru di Taurasi Riserva, il Grande Cerzito¤ 2009 in uscita si pensa il prossimo novembre 2013, di cui però, come sugli altri rossi, scriverò […]

  9. Un Taurasi Riserva 2009 da medaglia d’oro… | L’ A r c a n t e Says:

    […] suo debutto dopo dieci lunghi anni di maniacale selezione e ricerca in vigna e in cantina (leggi qui¤). E’ il Taurasi Riserva di Quintodecimo¤ premiato al World Wine Awards 2014 della rivista […]

  10. Il profumo del vino | L’ A r c a n t e Says:

    […] Vigna Cerzito 2001 o della primissima vendemmia a Quintodecimo¤. […]

  11. Il respiro del vino | L’ A r c a n t e Says:

    […] Vigna Cerzito 2001 o della primissima vendemmia a Quintodecimo¤. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: