Posts Tagged ‘amarone’

Andare avanti, ma non troppo

7 gennaio 2015

Nelle ultime settimane ho avuto modo di assaggiare diversi grandi rossi perlopiù 2010 del Bolgherese e della Valpolicella (non solo Amarone). Il lato più bordolese del vino italiano pare stia riscoprendo un po’ se stesso con il cabernet franc: frutto sempre in primo piano ma con maggiore attenzione all’equilibrio, l’estrazione, la potenza, il legno. Vini che conservano comunque grande opulenza e profondità ma al contempo esprimono buon equilibrio. Piccoli passi insomma non più così indifferenti anche ai palati più ostili.

Per quanto riguarda invece la Valpolicella pare che il ruolo di Premium Wine a cui è sempre più destinato l’Amarone stia rilanciando più di una perplessità. Le vendite vanno bene, il mercato (estero) tira forte, molti vini però appaiono sovraestratti, poco bilanciati, qualcuno addirittura un tantino legnoso come si fosse ancora alle prime armi con l’appassimento o col maneggiare botti e barriques; il risultato nel bicchiere sono vini talvolta oltremodo alcolici se non pesanti. Troppo. Temo si corra tanto e ahimè non tutti nella stessa direzione.

Mi domando se in tutto questo work in progress che muove poco l’asticella dei consumi interni ma assesta ancor più gli equilibri del mercato del vino italiano agli occhi del mondo, il silenzio che gira intorno al nostro Taurasi negli ultimi tempi non sia da intendere come l’ennesima occasione sciupata per sparigliare (almeno un pochino) le carte in tavola. Vabbe’, non allarghiamoci troppo dai...

© L’Arcante – riproduzione riservata

Amici di Bevute® Professional|Viaggio in Valpolicella, visita all’azienda Allegrini

13 novembre 2014

Domenica 16 novembre con i ragazzi de LARTE Milano si va in Valpolicella dalla famiglia Allegrini, alla scoperta di un territorio affascinante e suggestivo e capire meglio cosa cercare in una bottiglia di Amarone…

Allegrini Estates

Amici di Bevute Professional® – Il programma

  • Ore 9.30 Ritrovo e partenza da LARTE Milano.
  • Ore 11.00 Arrivo a Fumane di Valpolicella. Visita alla cantina, vigneti, fruttaio.
  • Ore 13.00 Visita a Villa della Torre con degustazione. Segue pranzo.
  • Ore 16.00 Rientro a Milano.

LARTE MilanoAllegrini Estates

© L’Arcante – riproduzione riservata

Diario di una bevuta, l’Amarone 2005 di Zenato

11 novembre 2009

uve-per-amarone-in-appassimento-su-graticci[1]

Il primo appuntamento non si scorda mai ovvero tutti ci vogliono essere, forse per questo che diversi amici hanno fortemente voluto partecipare al primo appuntamento settimanale di “Diario di una Bevuta”, percorso di degustazione che vuole aprire una interessante finestra su buoni e grandi vini da conversazione lasciando spazio anche alla scoperta di alcune realtà interessanti fuori dalle scelte quotidiane. Ma il primo passaggio è stato volutamente “rotondo”, anche per tastare il polso ad un momento del quale tutto si può dire tranne che vorace di esperienze particolarmente complesse da articolare e non di meno recepire.

Amarone [7]Eccoci dunque di fronte a questa bella bottiglia che negli anni è divenuta sempre più pesante ma al contempo sempre più elegante con questa sua etichetta minimalista, color sabbia, essenziale nella descrizione della denominazione del vino e degli elementi utili e richiesti per legge.

Un vino dal bel colore rubino con piccole sfumature granata, di buona vivacità e poco trasparente, consistente nel bicchiere. Il primo naso ha bisogno di tempo per manifestare tutta la sua elegante verve, coperta inizialmente da una nota alcolica particolarmente persistente. Lasciato debitamente respirare inizia ad aprirsi su di un ventaglio molto gradevole di frutta matura, in confettura, di prugna e poi di ciliegia sottospirito; il leit motiv rimane questo per molto tempo prima di proporre altre interessanti sfumature, senza però eccedere, come sentori di polvere di cacao e spezie nere, china calissaia.

Questo Amarone come pochi altri in Valpolilcella viene prodotto da corvina, rondinella e sangiovese, uve lasciate lungamente appassire nei fruttai, sulle arèle, sino a gennaio inoltrato prima di essere vinificate e passate per il legno (Tonneau) per almeno 36 mesi.

La struttura alcolica è forse l’aspetto più preponderante, robusto, per qualcuno sino all’ecceso, ma che regala ai meno pretenziosi una gradevole e morbida beva, e con essa probabilmente l’opportunità di avvicinarsi ad una tipologia di rosso italiano quasi sempre adatto ad ogni occasione. Da servire in ampi calici svasati, perfetto su braciole di maiale nero casertano con purea di castagne e riduzione di vincotto.


<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: