Posts Tagged ‘diario di una bevuta’

10 anni di Blog

3 marzo 2019

L’idea ci venne in mente una sera di primavera poco dopo il servizio di uno dei tanti appuntamenti con gli Amici di Bevute¤; era necessario lasciare traccia di quanto condiviso, degli appunti di degustazione, delle storie e delle persone¤, dei cibi e dei vini che ci piacevano e che andavamo a scoprire. Un diario enogastronomico vero e proprio, un po’ per ricordare, un po’ per guardare indietro e vedere da dove venivamo, come eravamo ma soprattutto se tutto quanto fatto avesse poi il senso che desideravamo.

Sono così trascorsi i primi dieci anni: c’è di tutto su queste pagine, ci sono ovviamente soprattutto gioie, qualche dolore, sorprese e speranze, le pause, tutte esperienze che ci hanno accompagnato con i sorrisi, le passioni, la grande voglia di raccontare che non abbiamo mai smesso di coltivare, quello spirito libero che ci aiuta a vivere questo nostro (piccolo) mondo che ogni giorno ci appare più circoscritto eppure l’unico che abbiamo da salvare, per salvare noi stessi. E quello che di buono c’è da mangiare e berci su.

© L’Arcante – riproduzione riservata

Diario di una Bevuta, tutte le date di Gennaio

6 gennaio 2010

 

DIARIO di una BEVUTA, ecco il programma settimanale di questo primo scorcio 2010 anch’esso da vivere all’insegna del grande vino da conversazione (come è stato per lo scorso mese di novembre), quel vino cioè capace di raccontare se stesso attraverso ogni singolo sorso. Luoghi, persone e memorie che fanno di alcuni vini grandi ed esclusivi nettari d’autore.
  • SABATO 9 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Contea di Sclafani Rosso del Conte 2003 Tasca d’Almerita
  • ticket di partecipazione di €ur 12,00
  •  
  • LUNEDI’ 11 GENNAIO ore 19.30 – 21.30
  • Group Wine Taining  – blind panel test –
  • ticket di partecipazione: da definire 
  •  
  • GIOVEDI’ 14 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2004 Tenuta Lodola Nuova
  • ticket di partecipazione di €ur 12,00
  • SEGUE: AMICI DI BEVUTE – PerCorso di Degustazione
  • VENERDI’ 15 GENNAIO ore 20.30
  • Con GROTTA DEL SOLE al TIFF PizzaCaffè di Pozzuoli
  • ticket di partecipazione di €ur 40,00 
  • more info:  TIFF Pizza Caffè 081 855 54 95
  • oppure 081 804 25 66
  •  
  • SABATO 16 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Aglianico del Vulture Don Anselmo 2005 Paternoster
  • ticket di partecipazione di €ur 12,00
  • GIOVEDI’ 21 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Brunello di Montalcino 2003 Tenute Silvio Nardi
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • VENERDI’ 22 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Saint Estephe 2000 Chateau Phelan Segur 
  • ticket di partecipazione di €ur 16,00
  • SEGUE: AMICI DI BEVUTE – PerCorso di Degustazione
  •  
  • SABATO 23 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Torgiano rosso Riserva Rubesco Vigna Monticchio 2003
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • GIOVEDI’ 28 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Toscana rosso Giorgio I 2006 Fattoria La Massa
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • VENERDI’ 29 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Roccamonfina rosso Gladius 2006 Tenute Adolfo Spada
  • ticket di partecipazione di €ur 10,00
  • SEGUE: AMICI DI BEVUTE – PerCorso di Degustazione
  •  
  • SABATO 30 GENNAIO ore 19.30 – 20.30
  • Langhe rosso Darmagi 2001 Gaja
  • ticket di partecipazione di €ur 18,00
conduce le degustazioni Angelo Di Costanzo

Comunicare il vino, con tutto l’amore possibile.

Frasso Telesino, la première Fois

23 novembre 2009

Capita per caso da queste parti, sa che quattro chiacchiere non le facciamo mai mancare, in più lo turba la scelta della nuova etichetta dell’aglianico Donna Candida di prossima uscita, pertanto ci concede una ragione in più per alimentare argomentazioni.

Entra nel bel mezzo di Diario di una Bevuta, il Terra di Lavoro di Galardi è di scena ma non ha, sino ad ora imbroccato il piano sequenza giusto per impalarci davanti al bicchiere, per cui in attesa di segnali più convincenti  l’happening vira più che sul vino versato su fatti di altri vini, persone, luoghi. Fulvio Cautiero è un giovane dalla faccia pulita, è sveglio, educato, attento; è entrato nel mondo del vino in punta di piedi, era il 2002, con l’intelligenza e con l’entusiasmo di chi a 26 anni anziché sognare Belen o il Grande Fratello ha voglia di sporcarsi le mani con la terra: 2002, pessima annata, per molti anche l’inizio della lunga crisi economica che ancora oggi ci attanaglia.

Nulla però negli anni ha fatto vacillare il suo progetto alle pendici del Taburno, in località Frasso Telesino, comune sconosciuto (quasi) persino alle mappe di google ma non alle strade del vino: “qui il vino c’è l’hanno nel sangue, ma tengono la capa tosta”, diceva suo nonno Giovanni Di Mezza, contadino per vocazione e viticoltore per passione riferendosi alle enormi potenzialità dell’area e all’assoluta incapacità di fare sistema puntando sulla qualità. Dopo aver rilevato la Masseria Donna Candida, 4 ettari nel cuore del Sannio, Fulvio ha sviluppato un percorso conoscitivo del terroir molto profondo, per circa due anni si è dedicato in maniera costante allo studio dei terreni, qui generalmente ricchi di scheletro e di natura argilloso-calcarei pur non senza differenziazioni da sud a sud-ovest della tenuta, ed ha nel tempo, reimpiantato tutte le vigne vecchie, molte delle quali allevate male o con sistemi obsoleti. Oggi l’azienda arriva a produrre circa 9.000 bottiglie tra falanghina, greco ed aglianico, tra un paio di anni si supereranno le 10.000 con il cru Donna Candida che esordisce quest’anno con poche bottiglie di una possente vendemmia 2007 (di cui parlerò in seguito) ma che entrerà a pieno regime nel 2011.

Il Fois 2007 invece è il vino per così dire base, rientra nella doc Sannio (preferita alla doc Solopaca) e lasciando stare le prime, personali, riserve sull’etichetta lo mettiamo subito alla prova, anche perché nel frattempo il pur buono Terra di Lavoro 2006 ci fa mancare il suo apporto emozionale, soprattutto al palato dove una spiccata acidità, assolutamente inaspettata e quasi fastidiosa, ci tiene lontano da ammiccamenti e standing ovations. Colore rubino con netti riflessi porpora, concentrato nel bicchiere, poco trasparente, invitante.

Il primo naso è spiccatamente floreale e fruttato, si sentono nitidamente viola, amarena, mirtillo. Lo lasciamo respirare un poco, ha una nota terziaria che tarda a svelarsi; Fulvio ci spiega che il Fois viene lasciato per circa un anno in barriques di terzo passaggio, ecco quindi la nota tostata che addiviene lievemente amara in bocca, qualcuno l’aveva percepita come sentore di tabacco, caratteristica per certi versi dell’aglianico amaro di queste parti, ma non di questo vino che nasce da cloni “vulture” e “taurasi”. Il giusto tempo di attesa ci concede altre riflessioni sul Terra di Lavoro e l’ossigenazione al vino una beva davvero piacevole, intrisa di frutto, fresca e scorrevole nonostante i 14 gradi abbondanti (14.28): in cinque la bottiglia è sparita prima di fargli i complimenti, poco prima dell’ultimo boccone di pizza nel ruoto con origano ed olive nere di mia suocera.

Diario di una Bevuta, tutte le date di Novembre

18 novembre 2009
 

 

DIARIO di una BEVUTA, ecco programma settimanale del mese di novembre all’insegna del grande vino da conversazione, quel vino cioè capace di raccontare se stesso attraverso ogni singolo sorso. Luoghi, persone e memorie che fanno di alcuni vini grandi ed esclusivi nettari d’autore.
  • SABATO 28 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Franciacorta cuvèe brut s.a. Bellavista
  • ticket di partecipazione di €ur 12,00
  •  
  • VENERDI’ 27 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Taurasi Macchia de’Goti 2004 Antonio Caggiano
  • ticket di partecipazione di €ur 12,00
  •  
  • GIOVEDI’ 26 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Amarone della Valpolicella 2004 Tommasi
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • MERCOLEDI’ 25 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • A.A. Pinot Nero Schweizer 2004 Franz Haas
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • MARTEDI’ 24 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Aglianico del Vulture Rotondo 2005 Paternoster
  • ticket di partecipazione di €ur 12,00
  • SABATO 21 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Champagne Cuvèe “D” n.m. Devaux
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • VENERDI’ 20 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Turriga 2000 Argiolas
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • GIOVEDI’ 19 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Terra di lavoro 2006 Galardi
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • MERCOLEDI’ 18 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Nuits S. Georges 2006 J. Drouhin
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • MARTEDI’ 17 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Chianti Classico La Selvanella 1995 Melini
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • SABATO 14 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Vino Nobile di Montepulciano Asinone 2006 Poliziano
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00
  •  
  • VENERDI’ 13 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Degustazione gratuita dei vini della Tenuta Adolfo Spada, seguirà cena-Degustazione presso il Ristorante Il Rudere
  • ticket di partecipazione di €ur 38,00
  •  
  • GIOVEDI’ 12 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Saremo a Battipaglia, alla “Fabbrica dei Sapori” Verticale Bocca di Lupo 2006 – 2004 – 2003 – 2001 Tormaresca per AGLIANICO&AGLIANICO 2009
  •  
  • MERCOLEDI’ 11 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Faro Palari 2005 Palari
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00 
  • MARTEDI’ 10 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
  • Amarone della Valpolicella 2005 Zenato
  • ticket di partecipazione di €ur 14,00

conduce le degustazioni Angelo Di Costanzo

Comunicare il vino, con tutto l’amore possibile.


<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: